Una piccola azienda nello Utah, la Halcium di Salt Lake City, negli Stati Uniti, sta lavorando alla messa in opera di PowerPod, una turbina eolica portatile che definisce la “turbina eolica più sicura e potente del mondo”.

Una piccola azienda nello Utah, la Halcium di Salt Lake City, negli Stati Uniti, sta lavorando alla messa in opera di PowerPod, una turbina eolica portatile che definisce la “turbina eolica più sicura e potente del mondo”.

Il proprietario, Nick Hodges, crede che la nuova turbina eolica sia la prossima grande innovazione nel campo dell’energia verde. Hodges afferma che il suo PowerPod è più economico dei pannelli solari e più efficiente in quei luoghi che hanno meno di 300 giorni di sole all’anno.

Progettata specificamente per ambienti urbani e residenziali, ogni turbina eolica da 1kW creerebbe fino a tre volte più potenza di una normale turbina montata. La potenza extra è dovuta a un avanzato sistema di pale nel pod, che aumenta la velocità del vento del 40%.

Di solito, le turbine eoliche sono montate su pali o su edifici e, sebbene generino energia pulita e verde, sono spesso criticate come piaghe da decubito nelle aree rurali.

Delle dimensioni di un grande barile di birra, il PowerPod può essere poggiato sul tetto, sulla recinzione o su un edificio pubblico, un camper, una barca a vela o qualsiasi superficie stabile.

Nelle aree in cui la velocità media può essere bassa, le normali turbine eoliche ricevono appena il vento sufficiente per iniziare a muoversi, ma generano pochissima elettricità. Ciò che fa invece questo PowerPod è accelerare la velocità del vento stesso, in modo che venga creata più potenza, più spesso.

Il pod prende aria e la convoglia in un’uscita più piccola rispetto a una normale turbina, che la accelera prima che colpisca la pala interna. Anche il vento può entrare da più direzioni contemporaneamente, cosa che spesso può causare la rottura delle normali turbine. L’aumento della velocità del vento riduce anche la necessità di installare i Powerpod su pali alti, che sono costosi da montare e occupano molto spazio.

I consumatori possono utilizzare un Powerpod da solo, collegandolo a un sistema di alimentazione allo stesso modo dei pannelli solari, con la stessa attrezzatura. Oppure, se si dispone già di un sistema solare, può connettersi senza problemi e fornire una fonte di alimentazione aggiuntiva e diversificata. La lama è contenuta interamente all’interno del guscio, il che significa che la turbina è sicura se c’è la presenza di bambini, animali domestici e animali selvatici.

Hodges ha creato una mappa che mostra la potenza media giornaliera generata da un PowerPod da 1kW, rispetto a un sistema solare da 1kW in diverse città del mondo. Mostra che i PowerPod hanno il potenziale per produrre una potenza uguale o maggiore rispetto alle loro controparti solari più costose.

Qui il link per vedere l’articolo completo sul Blog di Beppe Grillo.

Commenta quest'articolo, per noi è un arricchimento di conoscenze