Giuseppe Conte ci propone la sua intervista del 13/06/2021 a “Mezz’ora in più”

Ecco la versione integrale

Qui la potete ascoltare e riascoltare alcuni passaggi importanti
Intervista a “Mezz’ora in più” – 13/6/21

Vi ripropongo qui la mia intervista di oggi a “Mezz’ora in più”

Pubblicato da Giuseppe Conte su Domenica 13 giugno 2021

Onorevole

Per me, la parola “Onorevole” non è diffamatoria perché “onore” e “disciplina” sono nella Costituzione. Si è onorevoli o meno a seconda di come si svolge il mandato, se nell’interesse personale o in quello della comunità, se per il bene proprio o quello dei cittadini. (Giuseppe Conte)

Per me, la parola “Onorevole” non è diffamatoria perché “onore” e “disciplina” sono nella Costituzione. Si è onorevoli o meno a seconda di come si svolge il mandato, se nell’interesse personale o in quello della comunità, se per il bene proprio o quello dei cittadini.

Pubblicato da Giuseppe Conte su Domenica 13 giugno 2021

vedi su Facebook

𝗟𝗔 𝗟𝗘𝗧𝗧𝗘𝗥𝗔 di Giuseppe Conte 𝗣𝗨𝗕𝗕𝗟𝗜𝗖𝗔𝗧𝗔 il 13/06/2021 𝗦𝗨𝗟 “𝗥𝗘𝗦𝗧𝗢 𝗗𝗘𝗟 𝗖𝗔𝗥𝗟𝗜𝗡𝗢”

Gentile Direttore,

il prossimo autunno anche la città di Bologna sarà chiamata ad eleggere il suo nuovo sindaco. Come è noto, il Movimento 5 Stelle sta vivendo un importante processo di rilancio e di rinnovamento, che io ho l’onore di guidare, ma questo non ci ha impedito di lavorare sino ad oggi con impegno e passione per arrivare preparati a questo appuntamento elettorale.

L’entusiasmo e l’energia che animano questa fase di rilancio del Movimento 5 Stelle ci hanno guidato anche nel percorso che ci ha portato alla costruzione a Bologna di un progetto per un campo largo insieme alle forze progressiste, sulla base di un modello che stiamo sperimentando anche in altre città che andranno al voto, come Napoli, o nelle regionali in Calabria.

Sono fortemente convinto che a Bologna ci siano le condizioni migliori per sviluppare questo laboratorio politico basato sul dialogo e la collaborazione fra M5S, PD, la lista Coraggiosa e le altre civiche che hanno aderito a questo progetto. Il terreno è fertile e i tempi sono maturi.

Il raggiungimento di questo obiettivo, la realizzazione di questo progetto devono essere garantiti da un candidato credibile, che sposi questo percorso con convinzione, passione, nel solo ed esclusivo interesse dei cittadini bolognesi. Questo candidato è Matteo Lepore del Partito Democratico, che il Movimento 5 Stelle sostiene convintamente.

Oggi l’errore da non fare è indebolire questo percorso fra PD e M5S bolognesi, che grazie agli esponenti locali si presenta già in uno stato avanzato. Lo dico anche a chi oggi nutre perplessità su questo percorso: è stato fatto un grande lavoro di avvicinamento e di confronto su importanti temi che hanno posto le basi per una solida coalizione.

Gli effetti della pandemia e della crisi economica si sentono forti anche a Bologna. Noi abbiamo il dovere e la responsabilità di dare ascolto alle sofferenze e alle paure di larghe fasce di popolazione, di farcene carico, a partire dai più deboli, dalle famiglie, fino al tessuto produttivo che da sempre anima e fa prosperare quest’area del Paese. Non possiamo commettere l’errore di lasciare che tali istanze vengano solo apparentemente intercettate da forze politiche di destra che mostrano di avere soluzioni semplici, sempre a portata di mano anche di fronte a sfide particolarmente complesse. Abbiamo il dovere di parlare chiaro a tutti i cittadini e non dobbiamo nascondere il fatto che alcuni processi riformatori richiedono tempo. Quel che possiamo garantire è la nostra lucida determinazione, la nostra perseveranza a realizzare anche i più incisivi e complessi processi trasformativi, in modo da rendere le nostre città – dal centro ai quartieri più distanti – più sicure, più verdi, in breve “più a misura d’uomo”.

Ci sono lavori e battaglie comuni da portare avanti insieme, sapendo che alcuni elementi ci distinguono dal PD e dalle altre forze politiche di sinistra, ma la sfida in un momento così difficile anche a livello internazionale deve essere quella di rimettere al centro la persona e la responsabilità per garantire un futuro migliore ai bolognesi, riconoscendo più diritti a partire dalla sfera del lavoro, e perseguendo maggiore equità in modo da garantire a tutti condizioni di maggiore benessere, nel segno della sostenibilità e dell’equità.

Il Movimento, dal canto suo, si presenterà mettendo in campo i suoi principi fondamentali, che non cambiano ma anzi si rafforzano: etica pubblica, legalità e lotta alle mafie, tutela ambientale, innovazione, trasparenza, partecipazione dei cittadini.

Per la città di Bologna, da sempre crocevia nel Paese dal punto di vista geografico, politico e culturale, oggi è necessario fare uno sforzo dal punto di vista ambientale per migliorare la qualità dell’aria e la salute delle persone, dal punto di vista sociale e di diritti sul lavoro, nella lotta alle mafie che hanno pesantemente infiltrato un territorio ricco come quello emiliano, nella innovazione tecnologica al servizio del cittadino per garantirgli semplificazione burocratica e servizi efficienti.

Con tutto il Movimento di Bologna, a partire da Max Bugani e Silvia Piccinini fino a tutti i nostri attivisti che si impegnano quotidianamente sul territorio, vogliamo costruire qualcosa di importante. Vogliamo dare un contributo positivo all’intera Emilia-Romagna e anche per questo ci aspettiamo appoggio, dal PD e dalle altre forze di sinistra, per confermare il sindaco uscente di Cattolica, Mariano Gennari, che ha dato un’ottima prova di sé nella capacità amministrativa. Questa è la strada giusta da percorrere tutti insieme, convintamente.

Giuseppe Conte

Commenta quest'articolo, per noi è un arricchimento di conoscenze